Vai al contenuto

Associazione Nazionale Alpini Paracadutisti

MAI STRAC

Dallo show dei paracadutisti alla cittadella davanti al Grand Hotel. L’Adunata Nazionale è ai dettagli

Dalla logistica agli eventi collaterali. Dallo show dei paracadutisti allo stadio, all’ospedale da campo al Parco Fellini. In attesa del prossimo decisivo summit per fare il punto sugli aspetti legati all’ordine pubblico e alla sicurezza in Prefettura (incontro atteso a fine febbraio), la sezione Bolognese-Romagnola dell’Ana è costantemente al lavoro per aggiungere dettagli al piano organizzativo dell’Adunata Nazionale degli Alpini 2022 che si svolgerà dal 5 all’8 maggio a Rimini e San Marino.

Sfilata lungo 100 bagni: da Rimini Sud alla Darsena

La commissione sta lavorando su due fronti. “Adunata completa come nel passato, oppure in forma ridotta in caso ci siano ancora restrizioni”, rivela il presidente di sezione Roberto Gnudi. A prescindere da restrizioni o meno, gli Alpini lavorano al programma. Che di ora in ora si arricchisce di dettagli. A partire dalle ultime novità legate alla sfilata principale della domenica: si svolgerà sul lungomare con la sfilata che partirà da Rimini Sud (attorno al bagno numero 100) per salire verso l’arrivo in Darsena. Al Parco Fellini, nell’area davanti al Grand Hotel, verrà allestita la storica cittadella simbolo dell’Adunata alla presenza anche dell’ospedale da campo e della Protezione civile degli Alpini. Durante la giornata di domenica 8 maggio si prevedono poi limitazioni al traffico anche lungo i viali delle Regine, per via dell’alto numero di presenze e per garantire il passaggio dei mezzi di soccorso e di quelli al seguito della sfilata.

“Per i dettagli bisognerà ancora attendere un paio di mesi – spiega il presidente Roberto Gnudi -, quando sarà il mensile dell’Alpino ad annunciare la planimetria definitiva. Anche per il programma ci sono ancora tantissimi dettagli da stabilire e su cui lavorare, ma la bozza di massima ormai è definitiva”.

Show allo stadio con i paracadutisti

Ci sono altre novità. A partire dalla cerimonia di apertura del giovedì allo stadio, che sarà arricchita dallo show con il lancio dei paracadutisti e ci sarà anche un torneo di calcio giovanile come evento collaterale. Proprio sui giovani gli Alpini vogliono porre grande attenzione e già a partire dalle prossime settimane approderanno nelle scuole del Riminese: “Abbiamo già avviato dei contatti con il provveditorato – aggiunge Gnudi – e faremo un concorso dedicato alle scuole elementari e medie. Con il coinvolgimento di tutti gli studenti”.

Un altro momento che è stato definito è appunto l’inaugurazione della cittadella, che si svolgerà al venerdì davanti al Grand Hotel. Poi nel pomeriggio è confermata la sfilata delle bandiere storiche in onore del 150° anniversario delle Truppe degli Alpini tra le vie del centro storico. Al sabato invece, dopo la mattinata istituzionale a San Marino con l’arrivo delle sezioni estere e delle associazioni d’Arma, allo stadio è prevista la celebrazione della messa con l’esibizione di 33 fanfare, un record mai registrato prima.

Hotel a camping: gli alpini iniziano a prenotare

“Sentiamo attorno a noi grande fermento – prosegue il presidente Gnudi – e anche una grande partecipazione dalla Prefettura e dal Comune. Gli Alpini hanno grande desiderio di ritrovarsi, sappiamo già che tanti hanno preso informazioni e hanno già prenotato le strutture alberghiere. Per i turisti siamo certi che non ci saranno limiti, speriamo solo di non dover fare la sfilata a numero chiuso”.

La sezione Bolognese-Romagnola conta 4mila iscritti e quest’anno festeggia il Centenario dalla fondazione. “Anche a Rimini faremo un momento ufficiale, poi appuntamento con il compleanno per il 27 novembre a Bologna”, aggiunge il presidente Gnudi. “Le prossime tre, quattro settimane saranno decisive per capire la portata della prossima Adunata – conclude il presidente -, a fine febbraio avremo anche più chiare le disposizioni governative”.

error: Contenuto protetto !