La «Di corsa in Maddalena» incorona Bonetti e Faustini

Nella più classica e bagnata delle giornate autunnali, con pioggia, vento e nebbia a rendere più che complicate le condizioni climatiche, l’edizione 2021 della «Di corsa in Maddalena» ha scritto nel proprio albo d’oro i nomi di Andrea Bonetti e Francesca Faustini. Dopo un anno di stop a causa della pandemia, la classica scalata alla Maddalena dal versante cittadino ha visto allinearsi al via ben 137 atleti. Perfetta come sempre l’organizzazione affidata all’esperienza dell’Aics bresciana, capitanata dal presidente Antonio Parente. Pronti, via, ed è subito bagarre. Nella gara maschile, due i favoriti d’obbligo: il valsabbino Andrea Bonetti, in forza all’Atletica Brescia Marathon, e il bresciano che viene dalle terre magrebine, Momo El Kasmi, che veste invece i colori biancoblù dell’Atletica Rodengo Saiano Mico. Il duello tra i due si infiamma subito dopo il via, avvenuto dopo lo sparo di pistola dato dai giudici bresciani della Fidal, all’inizio di via Panoramica. Bonetti prova a dettare il ritmo, El Kasmi risponde, mentre dietro nessuno riesce a tenere il passo del duo di testa. Attorno al quinto chilometro Andrea Bonetti strappa ed El Kasmi per non saltare decide di lasciare andare l’avversario. Bonetti, uno specialista in questo tipo di corse, da vero grimpeur allunga e non si volta più. Sugli ultimi tornanti sbircia l’ormai rassicurante vantaggio sugli avversari e sul traguardo, posto in cima alla Maddalena, arriva a braccia alzate in perfetta solitudine nel tempo di 43’49”. «Fa freddissimo – le prime parole pronunciate dal vincitore all’arrivo -. Poco dopo metà gara ho staccato El Kasmi e poi il mio avversario è stato il freddo. Pioggia quasi ghiacciata e poi questo vento mi hanno messo davvero in difficoltà». A 37” da Bonetti, Momo El Kasmi arriva sotto il gonfiabile del traguardo fradicio e infreddolito. Sul terzo gradino del podio si accomoda un ottimo Manuel Franchi (New Athletic Sulzano, 45’20”). Ma sulla Maddalena c’è gloria anche per Maurizio Mutti (Arieni Team, 45’41”), Nicola Porcu (Gavardo ’90, 45’59”), Ivan Cotali (Padile Running Team, 47’19”), Manuel Zanetti (Gavardo ’90, 48’23”), Bruno Treachi (Atletica Brescia Marathon, 48’44”), Stefano Bertocchi (Atletica Falegnameria Guerrini, 49’18”) e Oscar Martinelli (Arieni Team, 50’21”), finiti nell’ordine tra i primi dieci della classifica generale. Magnifica la tripletta piazzata dall’Atletica Gavardo ’90 in ambito femminile. Vince in maniera autoritaria Francesca Faustini, che dopo i primi 5 chilometri trascorsi in compagnia di Sara Bazzoli attacca per poi rimanere da sola al comando della corsa. Anche per Faustini le prime parole all’arrivo sono dedicate al gran freddo patito durante la scalata. «Non pensavo ci fosse una temperatura del genere – dice la vincitrice quasi battendo i denti -. Pioggia e vento non sono mai state condizioni con le quali sono andata d’accordo. Mettiamoci anche la salita ed ecco spiegato perché sono molto sorpresa di questa vittoria. Grazie all’Atletica Gavardo ’90, con la quale mi alleno tutto l’anno, e un grazie particolare al mio corpo militare, il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti di Verona, e al mio comandante Fulvio Menegazzo». Ottima seconda Sara Bazzoli, giunta in 54’40” in Maddalena a con un ritardo di 1’23” dalla compagna di squadra. Sul terzo gradino del podio, a completare il grande tris arancionero, Monica Morstofolini (56’07”).•.

1 commento su “La «Di corsa in Maddalena» incorona Bonetti e Faustini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli

Articoli per mese