L’Esercito Italiano migliora i risultati di Rio 2016.

Con la tradizionale cerimonia di chiusura si è ufficialmente conclusa la XXXII edizione dei Giochi olimpici con risultati straordinari per l’Italia che a Tokyo 2020, grazie anche ai risultati degli atleti dell’Esercito Italiano, ha realizzato il record di 40 medaglie in 19 diverse discipline (10 d’oro, 10 d’argento e 20 di bronzo), migliorando il precedente primato di 36 che resisteva da Los Angeles 1932 e Roma 1960.


384 gli atleti qualificati per i Giochi di Tokyo, di questi 47 appartengono alla Forza Armata e di loro 8 sono saliti sul podio olimpico, conquistando un totale di 9 medaglie, 3 d’argento e 6 di bronzo, migliorando i risultati ottenuti nei Giochi Olimpici di Rio 2016.


In particolare, il Caporal Maggiore Scelto Vanessa Ferrari, alla sua 4^ olimpiade, dopo una serie di problemi fisici che avrebbero potuto compromettere la prestazione, è riuscita a ottenere il meritato argento nella disciplina della ginnastica artistica, specialità corpo libero. Il Caporal Maggiore Capo Diana BACOSI, dopo un’esaltante gara finale, è riuscita a ottenere uno straordinario argento nella disciplina del tiro a volo, specialità skeet.


Nel nuoto il Caporal Maggiore Federico Burdisso ha conseguito due bronzi, uno nei 200m farfalla e l’altro nella mista 4×100, mentre il Caporal Maggiore Lorenzo Zazzeri ha raggiunto l’argento nella 4×100 stile libero a squadre. Nel judo, categoria 52 kg, il Caporal Maggiore Scelto Odette Giuffrida è riuscita a ottenere un meritato bronzo. Bronzo anche nel sollevamento pesi, categoria 67 kg, per il Primo Caporal Maggiore Mirko Zanni, e nella scherma, specialità spada a squadre, per il Caporal Maggiore Capo Mara Navarria. Infine, un meritato bronzo anche nella lotta, categoria 97 kg, per il Caporale Abraham de Jesus Conyedo.


Un successo per l’Italia e per gli atleti militari dell’Esercito, che hanno contribuito a scrivere le pagine più belle di queste nostre Olimpiadi e che con rispetto, disciplina, sacrificio e costanza sanno coniugare i più alti valori educativi che derivano dalla pratica sportiva con i principi e le qualità morali del soldato italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli

Articoli per mese