Italia, l’Esercito serra i ranghi a sostegno della divisa e del generale Figliuolo

L’Esercito serra i ranghi a sostegno della divisa e del generale Figliuolo. Militari di tutti i gradi, in attività o in congedo, “inondano” Facebook di foto in servizio

L’Esercito Italiano serra i ranghi a sostegno della divisa e del generale Francesco Paolo Figliuolo, dopo le dichiarazioni della scrittrice Michela Murgia. Militari di tutti i gradi, in attività o congedati, hanno cominciato a pubblicare su Facebook in maniera spontanea una fotografia di quando erano in servizio. Il testo è uguale per tutti: “A sostegno del #generale #Figliuolo ed a dispetto delle persone che hanno paura delle divise, chiedo a coloro che hanno servito il proprio Paese o sono ancora in servizio di partecipare alla sfida, pubblicando una foto del vostro periodo in servizio. Solo una foto, nessuna descrizione. L‘obiettivo è quello di inondare FB di foto positive invece che di negatività. Copia il testo sul tuo diario, metti una foto e guarda l’Italia, quella orgogliosa e sana”.

La rivoluzione social è cominciata con la mobilitazione per il generale Riccò

La mobilitazione spontanea per Figliuolo ha un precedente: quella del 2019 per difendere il generale Paolo Riccò, finito al centro di un’istruttoria per aver dato l’ordine di rompere le righe durante le celebrazioni del 25 Aprile a Viterbo. Ciò dopo che il presidente dell’Anpi locale aveva accusato i militari internazionali, per cui anche italiani, di aver ucciso più civili che talebani in Afghanistan, citando un report Onu. Il gesto dell’alto ufficiale aveva immediatamente fatto il giro del web e dei social media, riportando il plauso di migliaia di persone. Non solo uomini e donne con le stellette, ma anche semplici cittadini. Il ministero della Difesa aveva però avviato d’ufficio un’istruttoria per valutare i fatti, innescando un’esplosione di proteste sia da parte dei militari sia di moltissimi civili. Tanto che sui social era nato l’hashtag #iostoconRiccò, diventato virale in breve.

Le mobilitazioni spontanee hanno portato alle forze armate benefici su due fronti: sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche poco note e avvicinare gli italiani ai nostri militari

Le mobilitazioni spontanee per i generali Figliuolo e Riccò, seppur nate per episodi di tipo diverso, sono un segnale molto importante e una rivoluzione nelle forze armate. Ci sono sempre state critiche a provvedimenti e affermazioni della politica, dei vertici militari e della società civile, ma sempre sotterranei e limitati al ristretto circolo di chi indossa le stellette. Invece oggi, grazie ai social network, sono diventate di pubblico dominio. Il risultato, peraltro, è stato duplice. Da una parte sono stati posti in maniera intelligente e garbata gli accenti su tematiche sconosciute o sottovalutate dai non militari. Dall’altra, è stato generato un fenomeno inedito: gli italiani si stanno avvicinando ai nostri soldati, mentre in passato c’era un clima di diffidenza e a volte anche di ostilità.

FONTE: https://www.difesaesicurezza.com

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli